La religione

 Le divinità nell'antico Egitto

Mito della Creazione del mondo

Nella religione egiziana sono diversi i miti che riguardano la creazione del mondo; ciascuna delle grandi città sede di culti religiosi tendeva con un proprio mito a far prevalere se stessa (il proprio dio "patrono") sulle altre.

Eliopoli     (oggi Tell Hist, un sobborgo de Il Cairo)

Al principio sono le acque di Nun, il caos nelle cui profondità giace addormentato lo spirito del creatore. Da Nun emerge una collinetta sabbiosa (rappresentazione dell'Egitto), sulla quale, prendendo l'aspetto di una fenice, si posa il creatore, Atum-ra, il Sole. Atum-ra, "tenendo il fallo in pugno ed eiaculando diede vita ai gemelli Shu (dio dell'aria) e Tefnut (dio dell'umidità)". Versioni meno esplicite dicono che fu uno sputo o uno starnuto a dare vita ai gemelli. Dai due gemelli nascono Nut (il cielo) e Geb (la terra). Dice il mito che Geb e Nut, innamorati, se ne stavano tutto il tempo abbracciati, impedendo alla vita di germogliare. Atum-ra allora comanda a Shu di separarli. Shu calpesta Geb e con le mani solleva Nut (che infatti é sempre rappresentata inarcata e con le mani ed i piedi aggrappati a Geb).
Da Geb e Nut nascono Osiride, Seth, Iside e Nefhti che con Horus (figlio di Osiride ed Iside) ed i quattro dei loro progenitori formano l'Enneade.

Ermopoli    (oggi El-Aschmuneim, anticamente era Khmum)

Esiste una materia primordiale nella quale nuotano otto creature: Nun e Nanhet, le acque primigene, Het e Hanhet, lo spazio infinito, Kek e Hehet, l'oscurità, Amon e Amanuet, l'ignoto. Assieme formano l'Ogdoade. Essi fecero nascere il sole e crearono Atum. Si fusero in un grande uovo dal quale nacque il creatore. Dopo di ciò si estraniarono dall'universo creato. Questi otto dei quindi precedono l'Enneade.

Menfi   (oggi Mithahina)

Dal caos (Nun) nasce l'idea di Atum-ra che prende corpo nel cuore divino di Ptah. Quindi l'idea viene espressa dalla bocca di Ptah. Segue la creazione di tutta l'Enneade.

Teologia Predinastica

Neith (in seguito signora dei mestieri) stende il cielo nel suo telaio. Con la navetta pazientemente vi tesse il mondo. Ultimata la tessitura Neith intreccia alcune reti con le quali pesca gli esseri viventi dalle acque primigene. Quindi inventa il parto e lo esperimenta su di sè per dare vita a Ra.

La leggenda dell'Occhio di Ra
 

Il Sole ha perduto il proprio occhio e invia i figli Shu e Tefnut alla ricerca del fuggiasco, ma il tempo passa e costoro non ritornano. Ra decide quindi di sostituire l'assente, ma, nel frattempo, l'Occhio ritorna e si accorge di essere stato sostituito. Dalla rabbia, si mette a piangere e dalle sue lacrime (remut) nascono gli uomini (remet). Ra lo trasforma allora in cobra e se lo pone sulla fronte: l'Occhio diventa così l'Ureo, che fulmina i nemici del dio.

La ribellione degli uomini

Anche in Egitto, come in altre parti del mondo, esiste il mito della ribellione degli uomini contro gli dei. La leggenda egiziana narra che il dio creatore Ra, per affrontare questa situazione, decise di inviare sulla terra il suo Occhio sottoforma della dea Hathor. Hathor, che ha sembianze di leonessa, divora in una notte parte dell'umanità e poi si addormenta. Ra crede che l'umanità sia stata punita a sufficenza e perciò decide di spargere sulla terra una birra colorata che, mescolata alle acque del Nilo, produce un liquido simile al sangue. Hathor al risveglio beve questo liquido che le causerà la morte per ubriachezza. Il resto dell'umanità è quindi salvo e Ra, deluso, si ritira in cielo affidando gli uomini a Thot e i serpenti, simbolo di regalità, a Geb. Viene così sancita la separazione tra dei e uomini. Ogni specie avrà un proprio posto nell'universo che, da questo momento, conoscerà lo spazio, get, e il tempo, neheh.

La leggenda del dio Min

La leggenda racconta di un uomo che, essendo mutilato, non potè partecipare ad una guerra per la quale partirono tutti gli uomini del villaggio. L'uomo mutilato, approfittando dell'assenza degli altri uomini, mise incinta tutte le donne. Al loro ritorno i soldati vollero giustiziare l'uomo mutilato, ma alla fine decisero di divinizzarlo facendo così nascere il dio Min che, per la sua storia, venne rappresentato senza un braccio e senza una gamba, ma con un evidente risalto del sesso maschile.

Fra le divinità maggiori si elencano:  
  • Amon: In origine era il dio locale delle tribù della zona di Tebe. Quando poi i principi di Tebe si impadronirono del trono d'Egitto divenne la suprema divinità del pantheon, assimilandosi al dio solare Ra sotto il nome di Amon-Ra. Il più grande tempio di Amon era quello di Karnak. I suoi sacerdoti rivaleggiarono in potenza con il faraone. A lui erano consacrati l’oca (secondo il mito infatti il sole nascerebbe da un uovo primordiale) e l’ariete dalle corna ricurve. Venne raffigurato in forme umane, come sovrano, con due alte piume sul capo, e talvolta con testa d'ariete.
  • Anubi: È il dio che aveva imbalsamato Osiride e presiedeva alla mummificazione. Patrono degli imbalsamatori e "signore delle necropoli". Nell'oltretomba presiedeva alle cerimonie funebri. Il centro del suo culto era a Cinopoli, ma veniva largamente venerato anche altrove. Il suo nome è traducibile in "sciacallo"; era infatti rappresentato sotto forma di sciacallo o di cane nero, spesso accovacciato su un modello di cappella funeraria o su un naos, con una fascia rossa attorno al collo e un flagello tra le zampe posteriori. Talvolta era rappresentato anche in forma umana con testa di cane, "croce ankh" in una mano e scettro nell’altra.
  • Anuket:La dea della cateratta di Syene, appartenente alla triade di Assuan. Donna con la testa cinta di piume multicolori.
  • Api: Nome dei tori sacri di Menfi, dal manto nero e triangolo bianco sulla testa, e con avvoltoio ad ali spiegate sul dorso. Venerati nell’antico Egitto, furono assimilati al sole ed erano raffigurati con il disco solare tra le corna. In età tolemaica furono sacri a Serapide; imbalsamati, venivano sepolti nel Serapeo di Menfi. 
  • Aton: Il disco solare divinizzato, dispensatore di vita. Con una riforma religiosa il faraone Amenofi IV Akhenaton della XVIII dinastia lo dichiarò unica divinità. Divenne il simbolo principale del monoteismo solare e fu considerato come la potenza universale che dispensava luce, calore e vita al genere umano. Le raffigurazioni mostrano il dio come un disco, dal quale discendono alcuni raggi terminanti con piccole mani, che offrono al faraone e alla moglie il simbolo della vita.
  • Bastet:Dea di Bubastis, divinità della gioia, dell’amore e della prolificità femminile. È rappresentata come gatta o come donna dalla testa di gatta. 
  • Bes:Nume protettore della casa e dei bambini.
  • Geb: Dio della terra, sposo e fratello di Nut, padre di Osiride, Iside, Seth e Neft 
  • Hapi :Divinità rappresentante il Nilo. Non si tratta del fiume divinizzato, ma piuttosto del suo spirito, della sua essenza dinamica. Veniva rappresentato come uomo dai seni pesanti e dal ventre prominente, a simboleggiare abbondanza; la divinità portava sempre doni, fiori e piante.
  • Hathor:Dea celeste della musica, dell'amore e della danza, nutrice del sovrano, associata a Iside come madre di Horus. Uno dei suoi templi più grandi si trovava a Dendara, ma aveva anche una cappella nel tempio di Hatshepsut a Deir el-Bahri. Fuori dell'Egitto era venerata a Biblo, a Punt e presso comunità dei minatori del Sinai. Personificazione della volta celeste, venne rappresentata come giovenca. Poteva anche assumere forma di donna con testa bovina o umana, ma sempre con corna e orecchie bovine tra le quali era il disco solare affiancato da due alte penne di struzzo. Vestita con una lunga tunica a bretelle e collare, talvolta era rappresentata con parrucca tripartita, sulla quale spiccava l'ideogramma del suo nome. Come divinità funeraria accoglieva i defunti nell'aldilà, dispensando loro cibi e bevande.
  • Horus: Una delle maggiori e più antiche divinità egizie. Adorato in tutto il paese ma soprattutto a Ieraconpoli, si presenta come un falco con disco solare e aureo sul capo e ali distese, oppure con la doppia corona, o ancora come uomo con testa di falco. Figura del mito di Osiride, in quanto considerato figlio postumo di questi e di Iside, è rappresentato come un fanciullo con l'indice tra le labbra (Arpocrate). Presiedeva all'osservanza di riti e leggi e il faraone ne rappresentava l'incarnazione terrena.
  • Iside: Una delle maggiori divinità egizie. Protettrice del benessere, delle nascite, dei naviganti e dello stato. Ebbe un ruolo fondamentale nel mito di Osiride. Compare talvolta come sparviero o in forme femminili, con il disco solare tra due corna bovine (in quanto assimilata a Hator), o con il suo geroglifico (un seggio) sulla testa e il nodo isiaco sull’abito. Come moglie di Osiride, Iside divenne simbolo della compagna e della madre ideale. Sebbene fino all’arrivo dei romani Iside non avesse propri riti, né propri templi, il culto continuò e si diffuse fuori dell’Egitto dopo il declino della civiltà egizia.
  • Khensu: "Il Vagabondo", dio del tempo e della luna. Componente della triade tebana con i genitori Amon e Mut. Rappresentato con la testa di falco con mezzaluna o luna piena. Khensu bambino ha la treccia laterale ed è avvolto in fasce. I greci lo identificarono con Eracle.
  • Khepri: Lo scarabeo stercorario e, come Ra, sole del mattino. Fu introdotto dagli hyksos.
  • KhnumAntico: dio creatore che modellò il primo uomo sulla ruota del vasaio. È protettore della cateratta di Syene, e fa parte della triade di Assuan. Identificato più tardi come Osiride e Amon, era rappresentato come montone o uomo a testa di montone dalle corna attorcigliate.
  • Maat: Figlia di Ra, dea della verità, dell’ordine e della giustizia. È rappresentata con piume di struzzo sulla testa. Il cuore del defunto veniva pesato sulla bilancia e paragonato alla sua piuma.
  • MinDivinità:di Coptos, dio protettore della fertilità, dei raccolti, dei viaggiatori del deserto. Nero, itifallico, mummiforme con due penne in testa, tiene il flagello nel pugno sollevato. I greci lo videro come Pan.
  • Montu: Dio dell'antica città di Hermonthis, collegato in origine al culto del sole e divinità guerriera. Raffigurato con testa di falco e disco solare con due piume sulla testa.
  • Mut: Dea di Tebe in forma di avvoltoio o in sembianze di donna con copricapo a forma di avvoltoio o corona bianca o doppia, anche con la testa di leonessa. Venne considerata sposa di Amon.
  • Nefti: Sorella di Iside, Osiride e Seth. Era raffigurata talvolta come donna con un diadema di geroglifici del suo nome in capo. Protettrice dei morti
  • Neith: Dea di Sais, madre del sole e di tutta la vita; fu più tardi associata con Osiride e Sobek. Porta la corona rossa del Basso Egitto, oppure due frecce incrociate sulla testa, mentre regge un arco. I greci la identificarono con Atena.
  • Nekhbit: Dea di Nekheb, protettrice dell’Alto Egitto. Ha forma di avvoltoio.
  • Nilo: Il fiume dell'Egitto che, rendendo fertile la terra grazie alle sue periodiche inondazioni, fu oggetto di culto in epoca tarda. La sua iconografia lo presenta come figura androgina, con gli elementi caratteristici della prosperità: adiposità, acconciatura vegetale, vassoi con offerte alimentari. Nel mondo romano venne raffigurato come un vecchio sdraiato, circondato dagli attributi dell'abbondanza, quali la cornucopia, il grano e sedici putti, allegoria dei cubiti di crescita dell'acqua nelle inondazioni.
  • Nofertum:"Colui che è perfettamente bello". Il figlio di Ptah e di Seakhmet, membro della triade menfita, dispensatore di unguenti. Ha il copricapo a fior di loto o due piume.
  • Nut: Dea del cielo, sorella e sposa di Geb, madre di Osiride, Iside, Seth e Nefthi. Ingoia il sole a tramonto e lo partorisce al mattino.
  • Osiride: Una delle grandi divinità egizie, era adorato come dio della vegetazione e dell’agricoltura. Il suo centro di culto più importante era Abido. Rappresentato in forme umane, con il volto dipinto di verde, colore della rigenerazione, lo stretto mantello che ne fascia il corpo e gli dà l’aspetto di una mummia. Lo accompagnano i tipici attributi regali: scettro, flagello, pastorale e corona bianca dell'Alto Egitto affiancata da piume. Si credeva che in origine fosse stato un re umano, colui che aveva portato la civiltà in Egitto. Protagonista insieme alla moglie Iside di un famoso mito, divenne re dei morti e giudice degli inferi. Il faraone defunto fu con lui identificato. Il mito è raccontato nelle opere di Plutarco. Il culto di Osiride dava alla gente la speranza di continuare la vita dopo la morte.
  • Ptah: Divinità egizia della città di Menfi, dove era considerato creatore del cosmo, oltre che patrono degli artisti e dio dinastico. Avvolto in vesti aderenti, tali da dargli aspetto crisaliforme, spesso con carni di colore verde, impugna nelle mani giunte sul petto lo scettro sul quale sono sovrapposti una "croce ankh" e un pilastro ged; la testa è rasa o coperta dalla calotta e ha la barba posticcia. Generalmente in piedi, ma anche seduto, spesso è raffigurato all'interno di un naos che presenta una finestra dalla quale si scorge il suo busto. Ptah, che fu il marito di Sekhmet e il padre di Nefertum. Venne successivamente associato a Osiride.
  • Ra: Divinità egizia del sole che a Eliopoli ebbe il suo maggiore centro di culto. Fu ritenuto dio creatore dell’universo, dio dello stato e della giustizia; si riteneva che percorresse il cielo sulla "barca dei milioni di anni" durante il giorno. Veniva raffigurato come uomo con testa di falco e disco solare con ureo sulla testa, in seguito ai processi di assimilazione all’altra divinità solare Horus.
  • Satet: Dea della triade di Amon; ha un copricapo a tiara affiancato da due lunghe corna di gazzella.
  • Sekhmet: Membro della triade menfita col nome di Bastet. Dea della guerra e della collera di Ra. Testa di leone
  • Seth: Fratello di Osiride, fu considerato come la personificazione del male nell’antico Egitto e fu rappresentato come un animale non identificato simile al cinghiale, oppure come uomo con testa di animale. Rappresentava le terre di confine, il deserto e gli stranieri. Seth fu venerato soprattutto quando gli hyksos conquistarono l’Egitto. Nella mitologia è sconfitto da Horus, il quale vendica così la morte di suo padre Osiride.
  • Shu: Dio dello spazio tra terra e cielo e quindi dei venti, in forma di leone o di uomo diademato del disco solare. 
  • Sobek: Venerato particolarmente a Crocodilopoli, nel Faiyum, e a Kom Ombo. Dio dell'acqua associato alla fertilità, ebbe molta importanza durante la XII dinastia. Era rappresentato come coccodrillo o come uomo con testa di coccodrillo.
  • Sokaris: Dio dei morti di Menfi, guardiano delle porte degli inferi, con testa di falco.
  • Tefnut :Dea dell'aria umida, figlio di Atum-ra e gemella e sposa di Shu. Dea di Oxyrhynchos.
  • Thot: Dio egizio di carattere lunare, era ritenuto a Hermopolis la divinità suprema; aveva corpo umano e testa di ibis, talvolta di scimmia, e luna falcata sul capo. Venerato come dio della parola creatrice, della scrittura e del calcolo e considerato scriba degli dei e misuratore del tempo, era come tale patrono degli scribi, e inoltre nell'aldilà era addetto alla psicostasia. Svolgeva un ruolo importante come impiegato della corte alla cerimonia del peso del cuore nel giorno del giudizio. Attraverso la conoscenza dei geroglifici, aveva anche il controllo della magia e dei maghi.
  • Uto: Dea del Basso Egitto, dalla testa di leone con corona rosa; ha come attributi il papiro e il cobra.