Il racconto del naufrago

L'unico manoscritto relativo al Naufrago è il papiro 1115, dell'Ermitage di Leningrado,
in scritttura ieratica, risalente alla XII dinastia (ca. 2000 a.C.)

  
Un cortigiano si rivolge a un principe di ritorno da una missione fallita, preoccupato dell'imminente rapporto
dinnanzi al re, e lo incoraggia esortandolo a tenere un contegno sicuro.
Per sottolineare il suo incoraggiamento gli racconta di un'analoga vicenda accaduta a lui stesso:
la nostra favola.



Disse allora l'ottimo cortigiano:
"Gioisci, o principe, vedi, abbiamo raggiunto la patria, afferrato il martello, il paletto è stato fissato. La cima di prua è stata gettata in terra, si levano inni di lode, si ringrazia Dio, ognuno abbraccia il suo compagno. Poichè il nostro equipaggio è tornato sano e salvo, non ci sono state perdite fra la nostra truppa. Abbiamo raggiunto il confine della Nubia, abbiamo passato l'isola Bigga. Vedi, siam tornati felicemente, la nostra terra, l'abbiamo raggiunta.

Ma ascoltami, o principe, non esagero: lavati, versa acqua sulle tue dita, rispondi a ciò che ti si chiede, parla al re con cuore raccolto, rispondi senza balbettio, perchè la bocca dell'uomo è in grado di salvarlo. Il suo discorso gli guadagna indulgenza. Ma agisci come vuoi, è stancante consigliarti.

Piuttosto ti racconto qualcosa di simile, una cosa a me stesso accaduta: ero partito per le miniere del re, ero uscito in mare con una nave. Era lunga centoventi cubiti e larga quaranta, imbarcava centoventi mariani,l'élite d'Egitto. Osservavano il cielo, osservavano la terra e il loro cuore era impavido più di quello dei leoni.

Allora annunciarono una tempesta, prima ancora che giungesse, e un temporale, prima che scoppiasse. La tempesta ci colse che eravamo ancora in mare prima che potessimo raggiungere la terraferma. Ancora veleggiavamo, quando il vento raddoppiò e sospinse un'onda di otto cubiti.

Mi scagliò addosso un pezzo di legno, la nave affondò. Non si salvò nessuno dell'equipaggio, io solo fui gettato su un'isola da un'onda. Vi trascorsi tre giorni in solitudine, col mio cuore unico compagno. Dormii nell'incavo di un albero e (di giorno) cercavo l'ombra. Mi accinsi poi a cercare qualcosa da poter mettere in bocca.

Trovai lì dei fichi e dell'uva e ogni sorta di porri, sicomori, maturi e acerbi e cetrioli, come fossero stati piantati. C'erano anche pesci e uccelli, in breve:nulla vi mancavaa. Mangiai a sazietà e qualcosa la gettai via, perchè avevo troppo sulle mie braccia.

Feci poi un bastoncino per il fuoco, ne accesi uno e bruciai un olocausto agli dèi.

Udii poi il rimbombo di un tuono e pensai:" E' un'onda del mare". Alberi si schiantavano, la terrra tremò. Mi scoprii il volto e lo riconobbi: era un serpente (un dio serpente), che si avvicinava.

Era lungo trenta cubiti la sua barba era lunga più di due cubiti. Il suo corpo era rivestito d'oro le sue ciglia di vero lapislazzuli...

Spalancò la sua bocca su di me mentre io ero sdraiato sulla pancia dinnanzi a lui. Mi disse:"Chi ti ha portato, chi ti ha portato bricconcello, chi ti ha portato (qui)? Se esiti a dirmi chi ti ha portato in quest'isola, farò in modo che ti trovi incenerito,diventato un qualcosa che non si può guardare".
(Io risposi:) "E' a me che parli, ma non riesco a sentirti. Sono davanti a te, ma non mi riconosco più". Allora mi afferrò con la bocca, mi trascinò nella sua tana. Lì mi posò, illeso, ero sano e salvo, non mi aveva staccato nulla.

Spalancò la sua bocca verso di me, mentro io ero prostrato davanti a lui. Poi mi parlò: "Chi ti ha portato, chi ti ha portato? Bricconcello, chi ti ha portato su quest'isola del mare che sta in mezzo alle acque?". Allora gli risposi, le mie mani rispettosamente piegate. Gli dissi:" Andò così: ero uscito per raggiungere le miniere su incarico del re (ero in mare con una nave). Era lunga centoventi cubiti e larga quaranta, imbarcava centoventi marinai, l'élite d'Egitto. Osservavano il cielo, osservavano la terra e il loro cuore era impavido più di quello dei leoni.

Allora preannunciarono una tempesta, prima ancora che giungesse, e un temporale prima che si formasse. Ognuno di loro era più coraggioso e forte del proprio camerata. Fra di loro non c'era un balordo. La tempesta arrivò che eravamo ancora in mare prima che potessimo raggiungere la costa. Quando ancora navigavamo, il vento raddoppiò e formò un'onda di otto cubiti che mi rovesciò addosso un pezzo di legno.
La nave affondò. Nessuno dell'equipaggio si salvò, a parte me, ed eccomi da te. Fui portato su quest'isola da un'onda del mare".

Allora mi disse: "Non temere, non temere, bricconcello, il tuo viso non deve impallidire, perchè è da me che tu sei giunto. Vedi, è stato un dio che ti ha fatto sopravvivere e che ti ha portato su quest'isola paradisiaca. Non c'è nulla che vi manchi, è piena di buone cose. Ebbene: vi trascorrerai un mese dopo l'altro fin quando non ne saranno trascorsi quattro. Allora verrà una nave dalla tua patria, con marinai che tu conosci. Con loro navigherai verso casa, e potrai morire nella tua città.

Com'è felice chi può raccontare quello che ha passato, una volta superato il pericolo! Adesso ti voglio raccontare qualcosa di simile accaduto su quell'isola: ero su di essa con la mia stirpe, fra di loro dei bambini; tutti insieme eravamo settantacinque serpenti, i miei bambini e la mia schiatta. Nulla ti dirò di una figlioletta, donatami in seguito a una preghiera.

Allora una stella cadde (dal cielo) e tutti perirono tra le fiammme! Ma accadde che io non fossi tra quelli bruciati, perchè in quel momento non ero con loro: Quando perciò li vidi tutti morti, su un unico mucchio, fu come se fossi morto anche'io. Se saprai essere forte e vincerai il tuo cuore, allora riabbraccerai i tuoi bambini bacerai tua moglie e rivedrai la tua casa. E' la cosa più bella di tutte, ritornare nella tua patria; raggiungere la tua stirpe".

Allora mi prosternai e toccai la terra dinnanzi a lui. Gli dissi: "Parlerò della tua gloria al mio signore e gli racconterò della tua grandezza. Ti farò portare ladano, oli di Hekenu, profumo, balsamo, incenso per il tempio., con i quali ogni dio si fa benigno. Racconterò quello che mi è succeso e quello che ho visto del tuo potere. Sì (il re) loderà dio per te nella sua residenza, davanti ai funzionari di tutto il paese. Sacriferò dei tori in tuo onore e li brucerò, tirerò il collo alle oche.

Ti invierò delle navi, cariche di tutti i tesori d'Egitto, come si fa per un dio che ama gli uomini in un paese straniero, sconosciuto agli uomini". Allora egli rise per colpa mia, (più precisamente) per ciò che avevo detto e che per lui era così stolto.

Mi disse:" Non sei affatto ricco di mirra o di altri tipi di incenso. Io sono il signore di Punt e la mirra mi appartiene. Quell'olio di Hekenu che promettevi di portarmi è proprio il tesoro di ques'isola. Inoltre, quando lascerai questo posto non lo rivedrai mai più, perchè diverrà acqua.

Poi venne quella nave, come egli aveva predetto. mi incamminai verso un grande albero e riconobbi quelli che erano a bordo. Tornai indietro per informarlo, ma vidi che già sapeva. Allora mi disse:"Ritorna sano e salvo a casa, bricconcello, per rivedere i tuoi bambini. Parla bene di me nella tua città: vedi, questo è ciò che desidero da te".

Allora mi prosternai dinnanzi a lui, con le braccia rispettosamente piegate. Mi diede un carico di mirra, oli di Hekenu, profumo e balsamo; erbe di Tischepse, essenze e ombretto, code di giraffa, grandi pezzi d'incenso e zanne d'elefante, levrieri, cercopitechi, babbuini e ogni sorta di oggetti preziosi.

Caricai tutto sulla nave e mi prosternai per ringraziarlo. Allora mi disse:"Vedi, fra due mesi raggiungerai la tua patria, abbraccerai i tuoi bambini e potri ringiovanire nella tua bara". A quel punto scesi verso la riva, vicino alla nave e parlai all'equipaggio.

Lungo la riva intonai poi un inno di ringraziamento al signore dell'isola e quelli che erano sulla nave fecero la stessa cosa.

Navigammo dunque verso nord, verso la residenza del signore che raggiungemmo dopo due mesi, proprio come lui aveva predetto. Entrai poi (nel palazzo), mi presentai al cospetto del signore e gli diedi i doni che avevo portato dall'isola. Allora di fronte a tutti i funzionari egli mi ringraziò, mi promosse suo cortigiano e mi diede duecento schiavi.

Pensa a come stavo dopo aver raggiunto la terra, quando mi voltavo a guardare ciò che avevo passato.

Ascoltami! E' bene che gli uomini ascoltino. Lui però (il principe) rispose soltanto: " Non ti sforzare troppo amico mio. Chi dà da mangiare a un'oca prima dell'alba, quando il mattino stesso le tireranno il collo?".