Cleopatra

Cleopatra VII Filopatore, figlia di Tolomeo XIII, dal quale appena diciottenne (51 a.C.) fu nominata per testamento reggente e associata nel regno al fratello Tolomeo XIV, suo sposo, è forse la più celebre in assoluto della dinastia dei Tolomei. All’imperitura fama di questa donna affascinante e ambiziosa, colta e capace di parlare correntemente molte lingue, ha senz’altro contribuito il lungo e travagliato rapporto con Giulio Cesare, giunto in Egitto da dominatore, dopo la vittoria di Farsalo (48 a.C.), sulle tracce del fuggitivo Pompeo. Costretta, infatti, dall’ostilità dei favoriti del fratello a lasciare Alessandria, poté rientrarvi solo grazie all’appoggio dello stesso Giulio Cesare, affascinato, secondo la tradizione, dalle sue grandi arti seduttive, e che non esitò a muovere guerra al recalcitrante Tolomeo XIV, provocandone la morte. Cleopatra tornò allora sul trono come sposa di un altro fratello poco più che bambino, Tolomeo XV, ma il suo posto era ormai al fianco di Cesare. Fra i due nacque una grande passione allietata, nel 47 a.C., dalla nascita di un figlio, che ebbe nome Cesarione. La sovrana d’Egitto accompagnò il condottiero romano in un trionfale viaggio lungo il Nilo per presentargli il suo regno e non esitò in seguito a raggiungerlo a Roma con il figlio. Qui, pur in condizioni non sempre favorevoli, data la palese diffidenza se non ostilità che la circondava e lo scandalo suscitato dalla sua sola presenza, visse in una magnifica dimora, circondata da onori e da un lusso leggendario che contribuì a rafforzare la sua leggenda. A Roma, Cleopatra rimase fino all’assassinio di Cesare, nelle Idi di marzo del 44 a.C., quindi fece ritorno ad Alessandria. Intanto, a Roma si succedevano eventi di grande portata. Nel 40 a.C., nell’ambito di una complessa ripartizione del potere, al triumviro Marco Antonio venne affidato il governo delle province orientali. Antonio rimase affascinato e sedotto dalla regina d’Egitto e accettò di dividere con lei le proprie ambizioni e il proprio destino. La loro unione, allietata anche dalla nascita di 3 figli, Alessandro Elio, Cleopatra Selene e Tolomeo, e quella dei loro domini, pareva destinata a dar vita a un grande e potente impero, capace di contrapporsi con successo a quello romano. Antonio concesse a Cleopatra il governo della Fenicia, della Celesiria, di Cipro e di parte della Siria e dell’Arabia, e ai figli avuti da lei il titolo di re. Ma Ottaviano, non potendo più tollerare una tale situazione, mosse guerra alla regina d’Egitto. Il 2 settembre del 31 a.C. ad Azio egli sconfisse duramente i due rivali, che, fuggiti ad Alessandria, senza più speranze, scelsero di darsi la morte, Antonio con un colpo di spada, Cleopatra con il morso di un aspide. Ottaviano sancì la definitiva annessione dell’Egitto a Roma (30 a.C.), dove tornò immediatamente, portando con sé i tre figli di Antonio e Cleopatra, della cui educazione si fece personalmente carico